Ciao, sono Selenia Scano, Freedom coach di Kendra. Sono una ricercatrice del senso della vita, per me nulla è più importante.

Il mio Perché Autentico cita “Incontro gli altri in fiducia, perché trovino il coraggio di cercare sostegno per essere liberi e vitali”.


I tre cervelli

 

Il bambino nasce con sole due paure: quella di cadere all’indietro e dei rumori molto forti.

Una particolare teoria formulata da Paul MacLean ci dice che il cervello umano si può vedere nei suoi tre sistemi principali: il cervello rettiliano, il cervello mammifero definito come sistema limbico sede delle emozioni e la neocorteccia, sede della coscienza, del linguaggio e della comunicazione con il mondo esterno.

Farò solamente un breve accenno al primo, il rettiliano.

È il più antico, la sede degli istinti primari, delle funzioni corporee autonome, della conquista del territorio e della difesa, del comportamento che riguarda l’accoppiamento, lo stabilirsi di gerarchie in gruppo e della risposta attacco-fuga che ci mette in allerta quando viene percepito un pericolo.

È questa la parte legata all’istinto di sopravvivenza, quella che abbiamo in comune con altri esseri viventi e la sola presente nei rettili, da cui il nome.

 

Ignoto fruscio

 

Da bambina, ad un certo punto i miei genitori hanno deciso di andare a vivere in campagna, allora i vari terreni erano ancora divisi da siepi, da cui erano udibili continui fruscii.

Ancora adesso un fruscio mi evoca una sensazione che mi conduce all’ignoto, al misterioso.

Allora sobbalzavo di paura domandandomi “cosa è stato?”

 

Dopo ogni fruscio intravedevo una lucertola o una biscia, oppure niente; solo silenzio o altri rumori intorno a me. Niente di grave dunque, o di realmente pericoloso.

Questo mi ha portato, all’età di dieci anni, a considerare quanto questa paura rischiasse di impedirmi di godere di tutte quelle cose belle e interessanti che la natura circostante poteva offrirmi.

 

Una sensazione d’allarme

 

Non ho mai dimenticato quel momento decisivo, da allora, ad ogni paura di cui sono cosciente mi domando “Questo mi serve? Mi è di qualche utilità?”; se la risposta è negativa, seppure con un po’ di trepidazione, vado oltre cercando di godermi l’esperienza.

Questo mi porta ad essere presente a ciò che sto vivendo, ad esser maggiormente consapevole, a non reagire lasciando che a decidere per me sia il cervello limbico, di cui accennavo sopra 🙂

 

E tu, sei cosciente di tutte le tue paure? Ce n’è qualcuna che hai superato o che ti riprometti di superare?

 

Puoi commentare qua sotto, condividere la tua esperienza, pormi delle domande, proporre un argomento che ti sta a cuore.
Sarò lieta di risponderti.

 

Nell’augurio che questa riflessione possa tornarti utile o stimolare un pensiero nuovo ti ringrazio per il tempo dedicato alla sua lettura 🙂

Con affetto, Selenia

Entra anche tu a far parte del gruppo facebook KENDRA JOURNEY – Strumenti per vivere la vita che ami.
Qui troverai strumenti, documenti, eventi e tecniche utili rispetto ai temi che ti interessano.
Sarai accolto in un ambiente protetto e di fiducia dove puoi condividere chi sei, chiedere consigli, fare commenti di valore ed invitare le persone che ami.