Mi chiamo Angela Calcara, consulente in discipline naturali e olistiche, naturopata, docente di Enneagramma ed Enneagramma&Movies presso la scuola di naturopatia Accademia Tesla, freedom coach di KENDRA.
Faccio tutto per ispirare le persone a riprendere in mano i propri sogni per reinventarsi una vita dove tutto è possibile.

 

Ti capita di sentirti sotto stress, sopraffatto dagli impegni e di perdere il contatto con te stesso? Di non essere cosciente nemmeno più del tuo respiro?

 

In questo articolo ti parlerò della meditazione e del perché è così importante nella routine quotidiana che insegniamo alle persone che sono in “viaggio” con noi, verso una vita senza rimpianti.

 

Ti insegnerò 3 metodi di meditazione che ti consentiranno di:

 

 

Cosa significa il termine “meditazione” o “mindfulness”?

 

“Meditare significa diventare più vigile, più presente, più brillante, più luminoso; significa diventare più saggio. Ovunque constati che la tua intelligenza viene resa ottusa, fuggi da quel luogo il più velocemente possibile!”

“L’uomo è un seme con migliaia di fiori che attendono di sprigionare la loro fragranza. La meditazione è il metodo per portarli a fioritura.”
Osho

“L’uomo vive in uno stato di veglia. Per risvegliarsi e conquistare un livello superiore di vitalità e consapevolezza, è necessario raggiungere uno stato di pace, a cui segue una fase di confronto con altre persone.”
G.I. Gurdjieff

 

Perchè meditare?

 

Per me meditazione significa andare dall’esterno verso l’interno: significa portare attenzione al centro di me stessa, disidentificarmi dalle preoccupazioni, azioni, emozioni, pensieri che agitano il mio essere nella vita normale, per poter essere sempre in grado, in ogni istante della mia vita, di osservarmi e di attingere con consapevolezza alle mie risorse interiori, in modo da diventare sempre più padrona della mia vita.

“Vivere la nostra vera vita, essere capitano della vera nave.”
Edward Bach

“Io sono il padrone del mio destino: Io sono il capitano della mia anima.”
William Ernest Henley, Invictus

Sono parole che evocano e portano l’attenzione verso il nostro centro, verso il risveglio della consapevolezza.
Nella vita normale, nel quotidiano, la nostra mente è sovraccarica di informazioni, pensieri, emozioni, cose da fare, azioni da compiere.

 

Diventiamo quindi quel pensiero…

quell’emozione, quell’azione, quel desiderio. Ci identifichiamo con loro, anche fisicamente, quindi sono loro che ci guidano.

Hai mai avuto un’intuizione che è poi svanita perché non ti sei soffermato e non l’hai resa cosciente?

È così che funzionano i pensieri, sono un flusso continuo, che ci trasporta come onde del mare, onda dopo onda, pensiero dopo pensiero. L’imbarcazione sulla quale ci troviamo è priva di timoniere e corre perennemente il rischio di andare alla deriva.

In questo modo una sensazione negativa, una brutta azione o una parola che arriva dall’esterno ci destabilizza e ci fa cadere in uno stato di prostrazione, anche se avevamo cominciato bene e di buon umore la nostra giornata. Ci portiamo dentro questa sensazione fino al seguente cambio di onda… e così all’infinito.

 

Questo mi capitava fino a qualche tempo fa…

nonostante mi ritenessi una persona con una consapevolezza sviluppata, grazie ad anni di introspezione e di lavoro su me stessa.
Grazie al corso di naturopatia che ha cambiato la mia vita, scoprii la meditazione.

Si tratta di una tecnica che porta al rilassamento fisico e mentale e al contatto con lo strato più profondo della nostra coscienza.

Uno stato di non-mente, di riposo dell’attività cerebrale, in cui però si attiva la focalizzazione su pensieri più profondi, il contatto con l’intelligenza intuitiva del cuore.

 

 

Benefici della meditazione.

Da allora iniziai a meditare al mattino per cinque-dieci minuti. A mano a mano che progredivo, i tempi si allungarono fino ad arrivare a venti minuti e riscontrai notevoli benefici a livello di concentrazione, centratura e intuizione.

Quei pochi minuti dedicati a me stessa diventarono qualcosa di irrinunciabile, che mi permetteva di avere un livello di focalizzazione, di consapevolezza e di creatività mai provati prima.

 

Come e quando meditare?

 

Il momento ideale per la meditazione è il mattino, quando la mente è ancora fresca e non disturbata dagli eventi giornalieri.Consiglio di meditare sempre con la schiena eretta e in posizione comoda, meglio non stendersi supini.

Sedere a gambe incrociate permette all’energia di non disperdersi.

Si inizia facendo varie respirazioni lunghe e lente. Ascoltare il respiro e osservare come avviene e le parti del tuo corpo che ne sono coinvolte ti permette di entrare in uno stato di rilassamento, presenza e consapevolezza del momento presente.

 

A questo punto è importante rilassare tutte le parti del corpo, respirando lentamente, in modo dolce e ritmico.

 

Puoi ascoltare una meditazione guidata: ciò ti permetterà, le prime volte, di concentrarti senza lasciare che la mente divaghi e si allontani, inserendo nella meditazione i tuoi problemi del quotidiano. Quando sarai diventato più abile, potrai condurti da solo, connettendoti immediatamente ai piani più profondi della tua coscienza.

 

Ha più effetto una meditazione breve e concisa ma regolare

 

Meglio cinque minuti al giorno che trenta minuti una volta ogni tanto.
La meditazione richiederà qualche cambiamento nella tua routine quotidiana, ma si può sempre trovare uno spazio di almeno cinque minuti per se stessi.

”Non siamo consapevoli, non siamo all’erta, per sincerarcene possiamo provare a dire a noi stessi: resterò sveglio e all’erta per dieci respiri, contando per ognuno l’inspirazione e l’espirazione. Conta i respiri, vedrai che non riuscirai ad arrivare a dieci..“

Con il tempo, con l’allenamento, potrai anche imparare come dirigere la trasformazione e la rigenerazione della tua personalità attraverso la meditazione.

 

Semplici tecniche per praticare.

 

Modifica la tua routine quotidiana inserendo almeno cinque minuti di meditazione in un ambiente silenzioso, stacca il telefono e dedicati interamente a questo momento.

 

Impara a respirare profondamente e consapevolmente, senza sforzo: anche durante la giornata, portare la tua attenzione al respiro, ti ricondurrà ad una sensazione di benessere e di presenza.

 

Puoi scegliere alcune delle meditazioni che Kendra ha creato per contattare il proprio centro, oppure quelle dedicate alla Gratitudine e al Perdono che ti permetteranno di entrare nel flusso positivo della vita.

Mi auguro che ti sia piaciuto l’articolo. Prova anche tu per almeno 21 giorni a ritagliarti cinque-dieci minuti quotidiani per meditare. A questi link trovi le meditazioni guidate che ti ho consigliato:

 

Lascia un commento, condividi la tua esperienza, fammi domande o proponi un argomento, sarò felice di scrivere un articolo sull’argomento che ti sta a cuore.

Ti ringrazio dell’attenzione, ti do appuntamento al prossimo articolo.
Ciao! A presto, Angela

 

Entra anche tu a far parte del gruppo facebook KENDRA JOURNEY – Strumenti per vivere la vita che ami.
Qui troverai strumenti, documenti, eventi e tecniche utili rispetto ai temi che ti interessano.
Sarai accolto in un ambiente protetto e di fiducia dove puoi condividere chi sei, chiedere consigli, fare commenti di valore ed invitare le persone che ami.