Mi chiamo Anna Dal Ferro ho 62 anni, mi ritengo datore di me stessa e faccio parte del team Kendra.

 

Ho vissuto una vita alla ricerca di qualcosa, con una separazione quand’ero molto giovane decisa da me, un buon lavoro, due figli meravigliosi, vivevo per loro ed avevo molte aspettative.

 

A un certo punto è avvenuta una rottura, è venuto a mancarmi un figlio di 24 anni.

 

Come aspettativa in lui vedevo una famiglia e dei nipoti… Tutto questo è svanito. La peggior cosa è che mi son concentrata su quello che non avevo più e non sul figlio che ancora ho.

 

Fino a quel momento non avevo mai pensato alla morte.

 

Per me era un passaggio di vita: nasci, cresci, vivi l’adolescenza, diventi adulto, poi vecchio ed infine muori. È stato il periodo più duro della mia via, volevo morire ed era tutto buio.

 

La svolta…

 

Dopo un paio di anni, ho conosciuto Maddalena Carollo operatrice di cranio sacrale, anche lei ha perso una figlia e stava elaborando il suo lutto.

 

Un giorno mi parlò di Maurizio Pirero, fondatore di Kendra, scrittore del libro “Crea la vita che ami”.

 

Con lui abbiamo parlato della morte e di come ognuno di noi porta un contributo unico su questa terra e di come il vero problema che abbiamo non è tanto la paura della morte quanto il rimpianto rispetto al nostro vissuto; il fatto di non aver risolto, adempiuto o aver lasciato dei conti in sospeso.

La migliore cosa che possiamo veramente fare è onorare la vita della persona che abbiamo fisicamente perso e vivere rispetto alle qualità ed insegnamenti che questa ci ha lasciato.

 

Una nuova visione

  

Ora sto mettendo in pratica quello che mi ha insegnato mio figlio in 24 anni, l’amore verso il prossimo e me stessa, l’umiltà, il sorriso ed il lasciare andare.

 

Una cosa meravigliosa che ho imparato leggendo il libro “Crea la vita che ami” è la meditazione, imparare a connettersi con noi stessi e andare giù, giù fino al cuore.

 

Quando vado a camminare in montagna, mi piace rimanere sola e guardare all’insù non solo con gli occhi, ma anche con il cuore e connettendomi con il cielo.

 

Facendo questo provo una sensazione bellissima, sembra che qualcuno mi stia parlando, che mi sfiori… forse è solo l’aria, ma è come fossi un tutt’uno con mio figlio.

 

Questa esperienza l’ho sperimentata anche al mare anche se è più difficile e qualche volta ci riesco anche a casa quando faccio meditazione nonostante qualche pensiero mi porta lontano e queste sensazioni durino pochissimo.

 

Se anche tu hai perso una persona cara e anche tu vuoi provare a sentire queste sensazioni, ad andare oltre, prova a leggere il libro “Crea la vita che ami”, fammi sapere e potremo fare un percorso assieme, sarò felice di condividere con te la mia esperienza e le mie comprensioni.

Con affetto, Anna

Entra anche tu a far parte del gruppo facebook KENDRA JOURNEY – Strumenti per vivere la vita che ami.
Qui troverai strumenti, documenti, eventi e tecniche utili rispetto ai temi che ti interessano.
Sarai accolto in un ambiente protetto e di fiducia dove puoi condividere chi sei, chiedere consigli, fare commenti di valore ed invitare le persone che ami.